music-1967480_1280.png
AM_Logo_Blog_2.png
Cerca

Thelonious Monk: 'Round Midnight, l'amore ed il jazz... a mezzanotte circa - Parte 2

Aggiornamento: 25 mar 2021


Quando il 2 settembre 1945 la guerra terminò, uno stato d'animo ottimista pervase gli Stati Uniti d’America. La gente, stanca della guerra, era pronta a lasciarsi il passato alle spalle e ad abbracciare le promesse di pace, prosperità e produttività. Era l'alba di una nuova era, il "secolo americano", quando gli Stati Uniti emersero come la principale potenza globale. La tecnologia divenne l'ossessione del paese: le possibilità dell’esplorazione spaziale, i viaggi in aereo, la disponibilità di televisori economici e registrazioni audio ad alta fedeltà. La velocità era all'ordine del giorno. Fu però anche un periodo di incertezza. L'era atomica era arrivata, rivelando un lato minaccioso con la distruzione di Hiroshima e Nagasaki, ma anche promettendo nuove fonti di energia.


Il jazz era l'accompagnamento perfetto per la nuova era atomica. Era diventato più veloce e più dissonante, senza perdere il senso della gioia e dell'umorismo. Il pubblico era attratto dalla velocità di Charlie “Bird” Parker e dalle sue melodie. Esplose quindi anche la popolarità dei Jazz Club. Ed anche Monk divenne popolare tra i musicisti, più o meno noti, e tra il pubblico che frequentava i club. Tra i musicisti più entusiasti, tra quelli che erano alla ricerca del nuovo e dell’originalità, c’era Miles Davis. Miles si precipitava al Down Beat Club per ascoltare Hawkins e Monk, nelle pause, quando non suonava con Bird. "Era solito entrare con la sua tromba”, ha ricordato McKibbon, "e si sedeva sul palco dell'orchestra e ci ascoltava suonare, guardava cosa stesse facendo Monk. E a volte Monk faceva qualcosa di strano e lui [Miles Davis] lo capiva, ma non suonava mai. Si limitava a sedersi, ad ascoltare e a ridere tra sé ". Nella versione della storia di Miles, egli invece suonava e Monk gli faceva da mentore.

" Mi piaceva da morire il brano di Monk, 'Round Midnight e volevo imparare a suonarlo. Così ogni sera, dopo averlo suonato, andavo da Monk e gli chiedevo "Come l'ho fatto stasera?" E lui, tutto serio: "Non bene". La sera successiva, uguale e quella dopo, per diverse sere. Mi diceva "Non si suona così" a volte con un'aria esasperata e maligna. Poi una sera glielo chiesi nuovamente e lui mi disse "Sì, si suona così." Mi rese più felice del più felice dei bastardi, più felice di un maiale nella merda. Avevo trovato il suono. Era uno dei pezzi più difficili. "


Miles aveva una grande ammirazione per Monk come insegnante e come anziano (li separavano nove anni), e trovava le sue composizioni brillanti e meravigliosamente equilibrate. Egli aveva trascorso le sue giornate alla Juilliard studiando i grandi compositori della tradizione occidentale, e riteneva che "'Round Midnight" fosse una sfida tanto quanto qualsiasi cosa composta da Ravel, Schoenberg o Bach. Per suonare correttamente “Round Midnight”, Miles diede una spiegazione molti anni dopo: "Devi mettere insieme tutte le nozioni, tutto. Devi ascoltare la composizione e suonarla, e improvvisare in modo che [Monk] possa sentire la melodia… Devi suonarlo in modo da poter sentire i cambi degli accordi e anche della melodia. Erano alcune di quelle cose che dovevi sentire. E dovevi impararlo e dimenticarlo." Ascoltare suonare e frequentare Monk alla fine convinse Miles a lasciare la Juilliard. “Monk mi ha insegnato più di chiunque altro, nei club, quando ero laggiù. È quello che mi ha davvero mostrato tutto. " Monk insegnava per dimostrazione piuttosto che per spiegazione. Diceva molto poco e quando spiegava qualcosa lo diceva solo una volta. Dovevi prestare la massima attenzione e vedere tutto quello che stava facendo se volevi imparare. "Se facevi sul serio potevi imparare da lui, ma se stavi facendo cazzate non vedevi niente." Anche Duke Ellington ebbe grande stima per Monk e gli dimostrò un apprezzamento particolare quando una sera lo definì "Il Sommo Sacerdote del Bop, l'inimitabile Thelonious Monk”, Monk ricambiò il gesto, alzandosi dalla panca del pianoforte per salutare personalmente uno dei suoi eroi musicali di tutti i tempi.


Ma il problema era che troppe persone potenti nel mondo del jazz non credevano che Thelonious fosse di "buon carattere". Le vecchie storie della sua stranezza e inaffidabilità continuarono a perseguitarlo per gli anni a venire, nonostante le notizie positive sulla sua professionalità e il crescente rispetto per la sua musica nei circoli artistici più alti. Il numero di aprile 1956 del British Jazz Monthly conteneva un sostanzioso articolo di Raymond Horricks che raccontava l'esperienza di Monk del 1954 al Paris Jazz Festival. Oltre a farlo sembrare un po 'un clown, Horricks aveva affermato con aria autoritaria che "non è mai stato conosciuto per tenere un lavoro per molto tempo a causa della sua natura inaffidabile".

Horricks attribuì gran parte della colpa della presunta irresponsabilità di Monk a sua madre, suggerendo che la scelta di sua madre di sostenerlo nell'età adulta significava che avrebbe potuto lavorare ogni volta che ne avesse voglia. “Altri musicisti devono lavorare a meno che non vogliano trovare i loro bagagli scaricati sul marciapiede. Almeno Monk è sempre stato certo di un letto e di un pasto, permettendogli di fare lo stupido quando gli viene voglia di farlo. "Le parole di Horricks erano ostili e imprecise, ma ebbero un peso e fecero eco molti proprietari di club e agenti di spettacolo.


Ma Monk, per fortuna sua, aveva anche dei sostenitori convinti della sua bravura, originalità e grandezza. Harry Colomby, suo manager e sostenitore, aveva deciso di mostrare al pubblico ed ai musicisti "mainstream" che Monk era un genio, un genio laborioso. Fece in modo che Nat Hentoff intervistasse Monk per un articolo per la rivista Down Beat. Intitolato "Just Call Him Thelonious", l’ariticolo uscì nel numero del 25 luglio 1956, insieme alla brillante recensione di Hentoff sul recente lavoro “The Unique Thelonious Monk”. Fu l'occasione per Monk di mettere le cose in chiaro, e così fece. Sulla stranezza e inaccessibilità della sua musica, Monk rispose: "Penso di essere difficile da capire? Bene, come cosa? Dimmi un numero particolare. Alcuni dei miei pezzi hanno melodie che anche un idiota può capire. Come se avessi scritto un numero rimanendo su una nota. Anche una persona stonata potrebbe canticchiarla. "

Parlando a persone che non conoscono la sua musica, Monk suggerì di "ascoltare la musica nell'ordine in cui l'ho registrata io. Prendi le registrazioni, siediti e scava. " Sullo stato attuale del jazz, aveva poco di buono da dire. “Qui non c'è stato niente di veramente originale negli ultimi sei o sette anni. Cos'è un originale? Se suona originale. La costruzione; la melodia. Deve avere il suo suono, originale. " Non sorprende che abbia dedicato buona parte del suo commento a rispondere al tipo di affermazioni che Horricks e altri si erano impegnati a far circolare:


"Vorrei parlare delle bugie che sono state dette su di me sul fatto che non sono affidabile sul lavoro ed altre simili. Non so come sia andata in giro questa leggenda. Alcuni sciocchi dicono una grossa bugia, ecco tutto. Quelle bugie iniziano e non puoi fermarle. Senza nemmeno indagare, la gente ci crede e le bugie arrivano alle agenzie di prenotazione. Anche quelle ci credono così in fretta e ti condannano prima di indagare. Penso che gli agenti di prenotazione e il pubblico dovrebbero indagare se le voci sono vere sulle persone prima di crederci. Non ho mai sbagliato; Non ho mai imbrogliato in un lavoro in vita mia. A volte il mio nome è stato usato in luoghi di cui non sapevo nulla e i promotori non hanno mai cercato di mettersi in contatto con me. Quindi, quando arriva il pubblico e non mi sono fatto vivo, il promotore incolpa me! Ma ho un senso di responsabilità riguardo al lavoro.”

Anche qui, con questo articolo, vorrei sottoporre alla tua attenzione e al tuo orecchio, la bellezza e l’originalità della musica di Monk.

Nella sezione Download, troverai l’analisi e la trascrizione dell’esecuzione di “Round Midnight” eseguita da Thelonious Monk in "Piano Solo". Pubblicata per la prima volta come Thelonious Monk Piano Solo (Swing M.33.342) come LP da 10 pollici, è stata ripubblicata più volte dall'etichetta francese Vogue.


Ti consiglio, che tu sia un appassionato lettore o musicista, di ascoltarla cliccando su questo link:


https://www.youtube.com/watch?v=I6qoDdrkXKU


#theloniousmonk #jazz #jazzcomposition #alessandromarchionni #scoreanalysis #onlinelessons

88 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti